CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 12.04.2019 N. 2407

In ambito di dichiarazioni in sede di gara, il requisito della assenza dei gravi illeciti professionali, di cui all'art. 80 comma 5 D.Lgs. n. 50/2016, è individuato, alla lett. c), con un elenco esemplificativo e non tassativo di casi, al punto che l'operatore è tenuto a fornire alla stazione appaltante una rappresentazione la più dettagliata possibile affinchè le pregresse vicende professionali possano essere apprezzate con riferimento al requisito dell'affidabilità del concorrente. Nella fattispecie il Consiglio di Stato ha individuato tre diverse forme di dichiarazione: omessa, reticente o completamente falsa, con diversa gradazione delle conseguenze in termini di valutazione discrezionale o esclusione automatica ...
Leggi la sentenza integrale

 

TAR VENETO - SENTENZA 20.03.2019 N. 344

In virtù del principio di rotazione di cui all'art. 36 del Codice dei Contratti, è legittima la previsione di un procedura negoziata senza pubblicazione del bando, con cui la Stazione Appaltante ha stabilito il divieto di invitare l’operatore economico uscente, anche alla luce delle Linee Guida Anac n. 4, senza che possa militare in senso contrario la circostanza per la quale il precedente appalto era stato aggiudicato a seguito di gara e che sul mercato non vi sarebbero operatori in numero sufficiente a garantire la concorrenza, e ciò stante la finalità preminente del principio in parola, teso ad impedire il consolidarsi di rendite di posizione degli affidatari uscenti ....
Leggi la sentenza integrale

 

TAR LAZIO - SENTENZA 25.02.2019 N. 2491

Va ritenuta legittima l’esclusione di un concorrente per errori gravi in precedenti appalti (nel vecchio regime, disciplinato dall'art. 38, comma 1, lett. f), del D.Lgs. n.163/2006) con riguardo ad una precedente risoluzione del contratto d'appalto subita in un settore assimilabile a quello di gara, ove il provvedimento sia puntellato su una chiara motivazione circa la valutazione delle circostanza e delle ragioni ragioni per cui è venuta meno la fiducia nell’impresa, senza che possa ritenersi necessario un accertamento della responsabilità del contraente per l’inadempimento in relazione ad un precedente rapporto contrattuale. Difatti la facoltà di esclusione disciplinata dalla lett. f) del suddetto art. 38 fa leva sulla necessità di garantire l’elemento fiduciario nei rapporti contrattuali della Pubblica Amministrazione fin dal momento genetico, dunque la relativa decisione da parte della Stazione appaltante è emanazione di un potere discrezionale come tale soggetto al sindacato del giudice amministrativo nei soli limiti della manifesta illogicità, irrazionalità o errore sui fatti..
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 08.01.2019 N. 173

In ambito di appalti pubblici, anche in vigenza della normativa di cui al nuovo Codice dei Contratti - D.Lgs. n. 50/2016 - deve confermarsi il principio per il quale le clausole del bando di gara che non rivestano portata escludente devono essere impugnate unitamente al provvedimento lesivo e possono essere impugnate unicamente dall’operatore economico che abbia partecipato alla gara o manifestato formalmente il proprio interesse alla procedura. Non si può pertanto esigere un obbligo di immediata impugnazione di quelle norme della lex specialis che disciplinino metodo di gara, criterio di aggiudicazione e valutazione dell’anomalia, perchè non impediscono immediatamente la partecipazione alla gara o la formulazione dell’offerta...
Leggi la sentenza integrale

 

TAR LAZIO - SENTENZA 05.12.2018 N. 11826

Nelle gare di appalto, l’omessa dichiarazione di precedenti sentenze di condanna, riportate da esponenti aziendali, costituisce legittima causa di esclusione dell’impresa dalla gara, ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c, f-bis, del D.Lgs. n. 50/2016, trattandosi di dichiarazione reticente, in quanto non fornisce un quadro completo della situazione effettivamente esistente, la quale non consente il normale ed esauriente dispiegarsi del processo decisionale della stazione appaltante in merito alla sussistenza di eventuali gravi illeciti professionali. Un siffatto provvedimento non è annoverabile tra gli atti di annullamento in autotutela e dunque non soggiace alla disciplina di cui all'art. 21 nonies L.n. 241/90 costituendo atto vincolato ... 
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 09.11.2018 N. 6326

In ambito di gare pubbliche d'appalto, per la verifica dell'anomalia dell'offerta, al parte i casi in cui l'utile risulti pari a zero, non è possibile stabilire una soglia minima di margine positivo dichiarato dall'offerente al di sotto della quale l’offerta deve essere considerata anomala, poiché anche un utile apparentemente modesto può comportare comunque un vantaggio significativo, sia per la prosecuzione in sé dell’attività lavorativa, sia per la qualificazione, la pubblicità, il curriculum derivanti per l’impresa dall’essere aggiudicataria e aver portato a termine un appalto pubblico, e per tale motivo l'offerta in tale caso non può essere considerata anomala  .. 
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 08.10.2018 N. 5765

Il termine di trenta giorni per l'impugnativa dell'ammissione dei concorrenti alla procedura di gara, prevista dal comma 2 bis dell’art. 120 c.p.a., deve essere fatto decorrere dal momento della pubblicazione degli atti della procedura, perché diversamente l’impresa sarebbe costretta a proporre un ricorso “al buio” .
Nella fattispecie il principio della piena conoscenza ai fini della decorrenza del termine di impugnazione merita una particolare e rigorosa applicazione, pertanto l'eventuale piena conoscenza, acquisita aliunde, può applicarsi solo ove vi sia una concreta prova dell’effettiva conoscenza degli atti di gara, acquisita in data anteriore alla pubblicazione o comunicazione degli atti della procedura di gara, e ciò non può coincidere con la seduta di gara in cui è stata deliberata l'ammissione dei concorrenti, anche se a tale seduta sia presente un  un rappresentante della ditta, in mancanza della specifica prova sulla percezione immediata ed effettiva di tutte le irregolarità che, ove sussistenti, possano aver inficiato le relative determinazioni.. 
Leggi la sentenza integrale

 

TAR PUGLIA - SENTENZA 07.09.2018 N. 1212

In ambito di gare pubbliche d'appalto, deve ritenersi illegittima l'esclusione di un concorrente che abbia presentato la relazione descrittiva dell'offerta sottoscritta soltanto sull'ultima pagina ed omettendo di sottoscrivere ogni foglio come pure richiesto dal disciplinare di gara. La previsione della lex speciali in questione, per rimanere coerente con il principio di tassatività delle clausole di esclusione (art. 74 D.Lgs n. 163/2006 ed oggi art. 83 comma 8 D.Lgs. n. 50/2016), pena la sanzione di nullità della previsione stessa, va interpretata nel senso di ritenere sufficiente che venga sottoscritta l’ultima pagina e che il requisito formale della sottoscrizione sia soddisfatto con l'apposizione della firma in calce al documento in parola... 

Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 02.08.2018 N. 4775

In ambito di procedura di evidenza pubblica vige il principio generale per il possesso dei requisiti soggettivi da parte dei concorrenti deve essere valutato al momento della scadenza del termine per la presentazione delle offerte, e poi essere mantenuto, senza soluzione di continuità, anche nella fase successiva all’aggiudicazione, per tutta la durata del contratto. In applicazione di tale principio va ritenuta illegittima una clausola della lex specialis (nella fattispecie si trattava del capitolato speciale allegato agli atti di gara) la quale prevede che i requisiti debbono essere posseduti e comprovati con riferimento alla data di pubblicazione del bando di gara, e ne va acclarata la nullità in virtù del principio di tassatività delle cause di esclusione ......

 Leggi la sentenza integrale

TAR SICILIA - SENTENZA 05.07.2018 N. 1551

Sussiste l'onere di immediata impugnazione, a decorrere dalla loro conoscenza, di tutte le clausole dei bandi di gara che comportino limitazioni alla partecipazione alla gara e quindi quelle clausole che idonee a comportare l'esclusione da parte della commissione di gara in caso di violazione commessa dal concorrente. Tra tali clausole rientra quella che prevede il divieto di avvalimento frazionato, in quanto è ovvio che, a fronte di un’offerta presentata in violazione di tale divieto, non potrebbe che conseguire la sua esclusione, quanto meno nell’ipotesi in cui la commissione di gara agisca in modo legittimo ...
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 25.03.2019 N. 3910

Va confermata l'esclusione della gara di un concorrente motivata con riferimento alla commissione di “gravi illeciti professionali” ex art. 80, comma 5, lett. c) del D.Lgs. 50/2016 ed in relazione a quanto prescritto dal Codice etico sottoscritto all’atto della presentazione dell’offerta, facendo riferimento a pregressi episodi di risoluzione di contratti di appalto ed in mancanza di contestazione in giudizio delle risoluzioni. In siffatti casi, dle resto, la determinazione di esclusione per deficit di fiducia è frutto di una valutazione discrezionale della stazione appaltante, con la conseguenza che il controllo del giudice amministrativo si configura quale controllo estrinseco, volto soltanto ad accertare l’apparente correttezza del giudizio, senza mai poter sfociare in un sindacato di tipo sostitutivo ...
Leggi la sentenza integrale

 

TAR VENETO - SENTENZA 07.03.2019 N. 302

In ambito di appalti pubblici, la previsione del nuovo Codice dei Contratto D.Lgs .n. 50/2016 di cui all'art. 95, comma 10, che prescrive l'obbligo del concorrente di indicare nell'offerta economica i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali in ambito di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, non determina in caso di violazione l'esclusione automatica dalla gara, a meno che ciò non sia previsto dalla lex specialis. Qualora l'esclusione automatica non sia prevista, la Stazione appaltante deve mettere il concorrente in condizione, almeno in sede di giustificazioni, di dimostrare che sostanzialmente la sua offerta comprende i costi della manodopera, specificando la consistenza di tali costi già inclusi, ancorchè non distinti, nel prezzo complessivo dell’offerta, senza ovviamente manipolare o modificare in corso di gara l’offerta stessa...
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 29.01.2019 N. 726

In tema di gare d'appalto, la risposta della stazione appaltante ad una richiesta di chiarimenti avanzata da un concorrente non costituisce una modifica delle regole di gara, bensì una sorta d’interpretazione autentica con cui l'amministrazione chiarisce la propria volontà provvedimentale, precisando e meglio delucidando le previsioni della lex specialis. Del resto i chiarimenti operano a beneficio di tutti e per tale motivo devono essere trasparenti, tempestivi, ispirati al principio del favor partecipationis e resi pubblici in modo da non comportare alcun pregiudizio per gli aspiranti offerenti, tale da rendere preferibile, a dispetto del principio di economicità, l’autoannullamento del bando e la sua ripubblicazione....
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 19.12.2018 N. 7151

in tema di appalti pubblici, va respinta l'impugnativa avverso un diniego di iscrizione all’Albo Gestori Ambientali comminata nei confronti di un operatore che sia risultato colpito da interdittiva antimafia . Deve infatti affermarsi il principio per il quale le informative interdittive sono applicabili anche ai provvedimenti di tipo abilitativo-autorizzativo, nei quali rientra l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali, posto che una siffatta iscrizione abilita l’operatore allo svolgimento di attività individuate nel D.M. n. 120 del 2014...
Leggi la sentenza integrale

 

TAR CAMPANIA - SENTENZA 26.11.2018 N. 6822

In ambito di appalti pubblici, la "clausola sociale" inserita nel bando va letta in senso conforme ai principi di libera iniziativa imprenditoriale, di carattera nazionale e comunitario, al fine di non risultare violativa della concorrenza e della libertà d'impresa di cui all'art. 41 della Costituzione. Ne consegue che tale clausola deve essere interpretata in modo elastico senza possibilità di attribuirle un effetto automaticamente e rigidamente escludente in caso di inesatto o non puntuale adempimento da parte del concorrente, posto che l’obbligo di riassorbimento dei lavoratori alle dipendenze dell’appaltatore uscente nello stesso posto di lavoro e nel contesto dello stesso appalto va integrato e compendiato con le esigenze dell’organizzazione di impresa prescelta dall’imprenditore subentrante.  .. 
Leggi la sentenza integrale

 

TAR TOSCANA - SENTENZA 29.10.2018 N. 1391

Va annullata l'intera procedura di gara d'appalto nonchè l'atto conclusivo di aggiudicazione nel caso in cui la commissione di gara, all'atto di esaminare l’offerta di una ditta concorrente (nella fattispecie, giunta seconda classificata), abbia aperto la busta contenente l’offerta economica prima di quella contenente la documentazione amministrativa. Infatti, la rigida successione del procedimento di selezione è tale da imporre che una prima fase della procedura si completi esclusivamente con l’esame dei requisiti di ammissione dei concorrenti, e che solo a seguito della conclusione di tale prima fase, che deve culminare con la decisione sull'ammissione dei concorrenti, può passarsi alla successiva seconda fase da dedicarsi all'esame del merito delle offerte  delle imprese ammesse, dovendosi pertanto ribadire il principio secondo il quale nelle gare per l’affidamento dei contratti pubblici l’apertura delle buste con le offerte economiche non può precedere l’accertamento dei requisiti formali per l’ammissione alla selezione  .. 
Leggi la sentenza integrale

 

TAR PUGLIA - ORDINANZA 17.09.2018 N. 1346

Va rimessa alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell'art. 75 del D.P.R. n. 445/2000, in relazione ai principi di ragionevolezza, proporzionalità e uguaglianza di cui all’art. 3 della Carta Fondamentale, nella parte in cui, tenuto conto dell'univoca interpretazione giurisprudenziale valevole ai sensi del diritto vivente, comporti la determinazione di un sistema di automatismo legale in base al quale qualsiasi caso di comprovata non veridicità di quanto autodichiarato dall’interessato comporti la decadenza automatica dei benefici dallo stesso ottenuti con l’autodichiarazione risultata non veritiera, senza che l’Amministrazione abbia più alcun margine di discrezionalità nella valutazione della stessa autodichiarazione... 

Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 21.08.2018 N. 4994

Va rimesso alla Corte di Giustizia europea, ai sensi dell'art. 267 TFUE, il quesito in ordine alla verifica di compatibilità della normativa italiana (art. 4 d.l. n. 91 /2014 convertito con l.n. 116/2014) con il Trattato sul funzionamento dell'unione europea e con il Regolamento 1151/2012/UE - recante la disciplina sulle Denominazioni di Origine Protette, che impongono agli Stati membri di garantire sia la libera concorrenza dei prodotti all’interno dell’Unione europea sia la tutela dei regimi di qualità per sostenere le zone agricole svantaggiate - che ha introdotto in Italia una restrizione nell’attività di produzione della mozzarella di bufala Campana Dop, imponendo che sia effettuata in stabilimenti esclusivamente dedicati a tale produzione, e nei quali è vietata la detenzione e lo stoccaggio di latte proveniente da allevamenti non inseriti nel sistema di controllo della Dop mozzarella di bufala Campana”.......

 Leggi la sentenza integrale

TAR CALABRIA - SENTENZA 16.07.2018 N. 418

Deve ritenersi illegittimo - e peraltro impugnabile senza necessità di previa partecipazione - un bando di gara nel quale sia indicato un prezzo a base d'asta talmente basso ed incongruo da risultare oggettivamente fuori mercato, da rendere il rapporto contrattuale con la P.A. economicamente non conveniente e matematicamente in perdita. Tale circostanza contrasta con il principio della concorrenza effettiva ex art. 95 comma 1 D.Lgs. n. 50/2016 ...
Leggi la sentenza integrale

TAR ABRUZZO - SENTENZA 02.07.2018 N. 271

Merita accoglimento la richiesta di proroga di una concessione demaniale di uno stabilimento demaniale sino a tutto il 2035, presentata ex comma 4-bis dell’art. 3 D.L. 400/93 s.m.i., nel caso in cui sia la concessione, sia gli investimenti siano stati compiuti prima della notifica, da parte della Commissione Europea, della lettera di costituzione in mora (02.09.2009) di cui alla procedura di infrazione comunitaria n. 2008/4908, nonché prima della scadenza del termine di recepimento della Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa ai servizi nel mercato interno n. 6/123/CE del 12 dicembre 2006 (28.12.2009), ed infine prima ancora che la Repubblica Italiana attuasse tale Direttiva con il D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. ...
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.