CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 30.12.2015 N. 5880

E’ illegittimo il provvedimento della Questura di revoca del permesso di soggiorno ad una cittadina extracomunitaria per l’attività di badante, adottato in quanto la datrice di lavoro indicata in sede di domanda, ha dichiarato “di non avere assunto alcuna badante”. Infatti tale provvedimento non ha tenuto in considerazione la circostanza per la quale la suddetta cittadina extracomunitaria aveva comunque stipulato nel frattempo un contratto di lavoro con altro soggetto. Deve riIevarsi, ai sensi del combinato disposto degli artt. 4, comma 3, e 5, comma 5, del t.u. n. 286/1998, che vi sono alcune cause tassativamente ostative del rilascio o del rinnovo di un permesso di soggiorno: tale effetto è attribuito alle condanne penali riportate (anche non definitive o patteggiate) per talune specie di reati, ma si deve altresì tenere presente che un simile effetto preclusivo non è invece ricollegato dalla legge alla “falsità” (peraltro solo presunta in sede amministrativa e non accertata in sede giudiziale) di un rapporto di lavoro dichiarato.....
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.