CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 03.02.2016 N. 419

Va risolto in termini negativi il dubbio di costituzionalità dell’art. 57 d.P.R. n. 570/1960 nella parte in cui stabilisce che, nel caso di anomala manifestazione del voto espresso mediante il segno sulla lista e l’indicazione nominativa del candidato di altra lista, il voto vada assegnato alla lista e non al candidato. Infatti la norma, in presenza di indicazioni contraddittorie sulla scheda elettorale, si pone l'obiettivo di salvaguardare l’utilità del voto, stabilendo che il voto vada assegnato alla lista. Una diversa soluzione, oltre a collidere con l’opzione legislativa in sé razionale in quanto la sua ratio ispiratrice (dare senso utile al voto) coincide con la ratio del principio costituzionale di tutela del voto (cfr. artt. 1 e 48 Cost.), non consentirebbe di utilizzare il voto, dato che la preferenza attribuita al candidato comporterebbe di fatto l’assegnazione del voto alla lista non prescelta dall’elettore....
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.