CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 12.02.2020 N. 1117

Il principio di invarianza della soglia di anomalia, vigente in ambito di gare pubbliche e prescritto all'art. 95, comma 15, D.Lgs. n. 50/2016, deve essere letto in ossequio di altri principi quali quello di buon andamento ed imparzialità dell’attività amministrativa, anch’essi di rango costituzionale (art. 97 Cost.). Il contemperamento di tutti i suddetti principi fa si che la rettifica della soglia di anomalia derivante dall’illegittima ammissione di imprese prive dei requisiti di partecipazione alla gara deve essere consentita alla stessa stazione appaltante avvedutasi di ciò, tenendo conto del riferimento testuale operato dal medesimo art. 95, comma 15, alla «fase di regolarizzazione delle offerte». Tale precisazione va riferita alle situazioni in cui sia stato attivato il soccorso istruttorio, quando pertanto non possa dirsi ancora conclusa la fase di ammissione delle offerte e gli effetti di invarianza e blocco da essa derivanti...
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok