TAR LAZIO - SENTENZA 28.10.2019 N. 12373

in caso di appalto di fornitura e gestione di un servizio intellettuale (quale, nella fattispecie, un software) non è configurabile una voce di costo riconducibile alla sicurezza aziendale, venendo meno dunque l'obbligo del concorrente di farne specifica indicazione nell'offerta economica. L'art. 95, comma 10, del D.Lgs. n. 50/2016 infatti stabilisce che: “nell’offerta economica l’operatore deve indicare i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro ad esclusione delle forniture senza posa in opera, dei servizi di natura intellettuale e degli affidamenti ai sensi dell’articolo 36, comma 2, lettera a)”; l’onere di specifica indicazione dei costi “aziendali” della sicurezza, previsto da tale disposizione, non si applica, pertanto, alle ipotesi in cui l’appalto abbia ad oggetto servizi di natura intellettuale... 
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok