CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 01.10.2019 N. 6566

In tema di contratti di pacchetto turistico, la disciplina dettata dalla direttiva 314/90/CEE del 13.06.1990 e dall'art. 42 del codice del turismo (D.Lgs. 23.05.2011 n. 79) impone che sia garantita al contraente/turista - in caso di annullamento del viaggio per causa a lui non imputabile - la restituzione dell’intero prezzo pagato senza distinzioni tra quota versata per il pacchetto turistico e quota da imputare all’attività di gestione della pratica, posto che con la stipula del “contratto di pacchetto turistico” sorge tra turista e organizzatore un unitario rapporto nell’ambito del quale l’attività prodromica di “gestione della pratica” costituisce una delle prestazioni dovute dall’organizzatore per rendere possibile la realizzazione della causa contrattuale che si sostanzia nel godimento della vacanza per come essa viene dal medesimo proposta e dall’utente accettata... 
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok